Andrea Diprè e GTA V: fatto, strafatto e catafratto

Andrea Diprè ha non pochi problemi nella guida di un’auto (si vede che non ha mai giocato a GTA) e si giustifica in questo modo: “In America è così, bisogna guidare un po’ catafratti“.

Dopo tre secondi Diprè si trova al primo ostacolo: non riesce più ad andare avanti e in retromarcia stende una giovane opera d’arte mobile. Quindi torna sulla strada di prima, questa volta passando sul marciapiede e continuando a fare stragi. Andrea fa notare agli spettatori il tempio di Scientology dall’altra parte della strada. Lo showman, dopo aver fatto la strage sul marciapiede, sottolinea il fatto che in GTA V sia necessario scappare prima che la polizia arrivi… ma dopo aver dato un pugno a un poliziotto viene brutalmente ucciso.

Come in ogni GTA, il gioco riprende dall’ospedale: ovviamente questo Diprè non se l’aspettava. Fuori dall’ospedale il politico illustra il modo Dipreista di giocare a GTA: picchiare a morte le persone. Dopo essere riuscito a mettere KO due uomini, ricorda che il suo obiettivo è quello di pestare più persone prima di essere ucciso, promettendo 1 miliardo di dollari a chi ha creato il gioco.

Dopo essere morto per la quarta volta, Diprè non vuole più giocare e il video finisce con l’avvocato che imita un soldato con un fucile e una pistola.