Facebook contro le bufale

bufaleMark Zuckerberg, l’inventore di Facebook, è stato al Mobile World Congress in incognito e da Barcellona ha rinnovato la sua volontà di combattere le bufale sul suo social network.

Già dal 2014 l’algoritmo di Facebook era stato modificato per evitare che le bufale potessero approfittare dell’effetto virale per propagarsi a dismisura, ma in questi due anni, purtroppo, la battaglia non è ancora stata vinta: il numero di bufale presenti sul pianeta Terra aumenta e sappiamo bene che le loro flatulenze aumentano l’effetto serra e peggiorano il buco nell’ozono. Per questi motivi e per rispondere alla crescente richiesta di un mondo più sano e meno inquinato, ecco cosa cambia su Facebook per bloccare definitivamente le bufale:

  • Tutti i post contenenti mucche, bufali, bufale e vitelli riceveranno automaticamente meno visualizzazioni;
  • Per poter pubblicare foto di mozzarelle sarà necessario apporre un bollino protettivo (o anche il blur) per evitare che si vedano fuoriuscite di latte (la classica goccia diventa tabù)
  • Tutti gli utenti che hanno come avatar l’immagine di un bovino verranno bloccati e Facebook richiederà loro di inviare scansione della carta d’identità e una bolletta (telefono, luce o gas) che ne attesti l’esistenza
  • Pagine, post e pubblicazioni a favore di vegetariani e vegani verranno oscurati in modo di favorire la macellazione dei bovini