Gas, Egitto: “America e Russia pronte a portare la Democrazia”!

Gas, Egitto: "America e Russia pronte a portare la Democrazia"!

Resa dei conti tra America e Russia: Obama posiziona 10 carri armati in Medio Oriente, Putin risponde a tono posizionando ben 12 carri armati e una bandierina negli Urali!

Potrebbe riscrivere lo scenario energetico mondiale e, soprattutto, italiano la recente scoperta da parte dell’Eni di una della più grandi riserve di gas al mondo. Il colosso italiano dell’energia ha, infatti, individuato un giacimento nell’offshore egiziano del Mar Mediterraneo, presso il prospetto esplorativo denominato Zohr. L’amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi, si mostra visibilmente soddisfatto ai nostri microfoni: “E’ la scoperta del secolo. Non potevamo chiedere di meglio. Si tratta di circa 850 miliardi di metri cubi di gas all’interno degli strati rocciosi, vale a dire almeno 5,5 miliardi di barili di olio. In pratica è come vincere al Turista per sempre!”
Immediata la reazione da parte delle due superpotenze mondiali sul destino dell’Egitto: “Lo sappiamo tutti cosa succede dopo una scoperta del genere. Il controllo del grezzo verrà preso dal più forte, verrà costruito un impero attorno a questo giacimento e in breve tempo avremo una tra le dittature più salde e durature degli ultimi tempi. Questa scoperta è un chiaro segnale d’aiuto da parte dell’Egitto: chiedono e vogliono la Democrazia. E noi ci batteremo per portargliela. Yes, we can!” queste le dichiarazioni del presidente degli States, Barack Obama. Idee chiare e una forte determinazione per il futuro del popolo egizio.
Ma arriva pronta e diretta la controparte russa, con le dichiarazioni fresche di giornata di Putin: “Si, l’Egitto ha chiaramente bisogno di un sistema governativo più flessibile, capace e in grado di gestire quello scrigno in fondo al mare, ma abbiamo visto tutti, nel corso di questi ultimi 20 anni, cosa la Democrazia di Obama NON sia in grado di fare. E noi adesso abbiamo un rimedio più sicuro. Il TDT (test democracy team) ha da tempo brevettato una nuova forma di governo più stabile, più efficiente, più multitasking: Democrazia 2.0 (leggasi dimokratiya).

 

Immagine con licenza CC BY 2.0 di Mark Rain