Vivere un’esperienza virtuale grazie ai movimenti delle mani

Vivere un'esperienza virtuale grazie ai movimenti delle mani

Vi è mai capitato di sentire un racconto e di viverlo in prima persona come se fosse accaduto a voi?

Jeanne, studentessa inglese in erasmus, osservando il modo in cui i movimenti delle mani dell’amica erano in grado di trasmettere ogni sfumatura del suo racconto, ha affermato che la gesticolazione della sua amica italiana Rachele aveva trasformato un aneddoto su un pranzo con gli amici in un’esperienza virtuale assolutamente reale.

“Dal momento in cui Rachele ha iniziato a muovere le sue mani avanti e indietro per indicare che stava parlando con Silvia, era come se avessi indossato un headset per la realtà virtuale e fossi entrata in una simulazione computerizzata ma realistica della sua storia”, ha detto Jeanne che si meravigliava del modo in cui i movimenti delle spalle e dei palmi delle mani di Rachele le avessero permesso di accedere ad un rendering digitale e tridimensionale della scena in cui osservava l’incertezza di Rachele su quale panino ordinare.

Tutto sembrava così reale. Ero così presa che mi sono persino dimenticata di essere seduta nel soggiorno di casa mia. Era come se mi trovassi proprio lì con Rachele, vedendo con i miei occhi la difficoltà nel trovare parcheggio vicino al ristorante, e tutto ciò grazie ai movimenti delle sue mani.”

Jeanne, quindi, ha confessato che percepisce il mondo in maniera diversa e la sua vita quotidiana sembra meno reale.